Chi siamo

L’attuale IIS “Galilei” nasce il 18 dicembre 1957 come sezione staccata della Scuola Statale di Magistero Professionale per la Donna di Macerata. Le classi, una prima di 31 alunne e una seconda di 7, sono ubicate provvisoriamente in due stanze poste all’ultimo piano dello stabile che ospita il teatro “Pergolesi” a Jesi e successivamente vengono trasferite al primo piano dell’ex “Appannaggio”. Il personale è composto dalla Fiduciaria, che tiene i collegamenti con l’istituto maceratese, una ausiliaria e sette docenti. Le ore settimanali sono 35, di cui 12 destinate ad Economia domestica ed esercitazioni pratiche (biancheria, sartoria, ricamo, rammendo, lavoro). Il 1° ottobre 1961, con Decreto ministeriale, l’Istituto Tecnico Femminile ottiene il funzionamento autonomo e avrà come preside fino al 1972 (salvo la breve parentesi dal 1966 al 1968 del prof. Alfredo Tomasello) la prof.ssa Alda Marasca, affiancata per alcuni anni da un Consiglio Governativo e dal 1964 da un Consiglio di Amministrazione.
Alla prof.ssa Marasca seguiranno Giuseppe Martinez (1973-1977), Vittorio Massaccesi (1978), Vittorio Traini (1979), Piergiorgio Magnanelli (1980-2002), Maurizio Silvestrelli (2003), Bruna Aguzzi (2003-2006), Giancarlo Baldetti (2007-2008), Annarita Durantini (2008-2012) e dal 2012 l’attuale Dirigente Scolastico, l’ing. Floriano Tittarelli.
Nel marzo del 1962, essendo aumentato notevolmente il numero delle alunne (le iscritte sono 117), l’ITF si trasferisce nei locali di Piazza Oberdan, occupati fino a poco tempo prima dal Liceo Scientifico. Ma appena tre anni dopo, per un calo vertiginoso delle iscrizioni, l’Istituto rischia di essere assorbito dall’omonimo istituto anconetano. Fortunatamente la crisi viene presto superata, tanto che addirittura nel 1971 viene proposto al sindaco di Fabriano di aprire in quella città una sezione staccata dell’ITF di Jesi, proposta che però non avrà seguito.
Intanto, in seguito all’introduzione dei Decreti delegati (legge 31 marzo 1974), il 14 marzo 1975 si costituisce il primo Consiglio di Istituto dell’ITF.
Il 1977 è l’anno della svolta: il preside Martinez, con il voto unanime del Collegio dei Docenti e del Consiglio di Istituto, nel mese di marzo avvia la pratica per un progetto di sperimentazione, che viene autorizzato, come previsto dal Decreto Ministeriale n. 419, con un telegramma del 17 novembre dello stesso anno. Ciò consente al nuovo preside, Vittorio Massaccesi, di avviare già dal 1° dicembre 1977 la sperimentazione che prevede, dopo un biennio comune, due indirizzi, il Tecnico per l’Abbigliamento e lo Psico–Socio–Sanitario con la struttura del triennio ampiamente modificata rispetto agli anni precedenti.
Tra la soddisfazione generale del nuovo preside Vittorio Traini, dei docenti, dei genitori, degli alunni, dell’Amministrazione comunale di Jesi e del Consiglio scolastico distrettuale, viene accolta dal Ministero la richiesta di rinnovo della sperimentazione per l’anno successivo e le iscrizioni al primo anno salgono a circa un centinaio, creando inevitabilmente problemi di spazio, motivo per cui vengono acquisiti i locali dell’ex scuola elementare San Martino adiacenti all’ITF, mentre l’intero indirizzo Tecnico per l’Abbigliamento viene trasferito all’ex villa vescovile di Montecappone, alla periferia di Jesi.
Il 1978 vede l’arrivo di uno sparuto gruppo di ragazzi, dopo che il Ministero ha risposto positivamente al quesito inviato dal Consiglio di Istituto che riteneva ormai immotivato il divieto di iscrizione ai maschi che intendevano frequentare il triennio sperimentale.
Nell’anno scolastico 1979–1980, con la presidenza di Piergiorgio Magnanelli, prende l’avvio un nuovo progetto sperimentale con tre indirizzi: il Tecnico per l’Abbigliamento, il Biologico–Sanitario, e i Servizi Sociali, che consentono di conseguire, rispettivamente, la maturità Tecnica industriale, la maturità Scientifica e la maturità Magistrale comprensiva del quinto anno integrativo.
Cinque anni dopo (a.s. 1984–1985) i docenti sono di nuovo al lavoro per preparare un piano completo di ristrutturazione dei tre indirizzi sperimentali che ottiene sia il placet del Ministero che, successivamente, dei tanti ispettori mandati a verificare la realizzazione complessiva del progetto.
Grazie, dunque, all’impegno dei docenti e alla loro volontà di operare per il bene degli studenti e delle loro famiglie, trovando sempre nuove energie e nuove idee per un costante rinnovamento, il nostro Istituto si conferma sempre più negli anni una scuola aperta e moderna, attenta ai problemi della società. Ma è una mente viva in un fisico decrepito, come dimostra il crollo di un soffitto di un’aula nella sede centrale (Piazza Oberdan), nel marzo del 1994, in seguito al quale l’edificio dovrà essere sgomberato e l’anno scolastico sarà portato a termine in varie sedi di fortuna.
L’anno successivo, grazie all’intervento dell’Amministrazione Provinciale, vedrà tutte le classi riunite nell’attuale sede di Viale del Lavoro, dove alunni e docenti, sotto la direzione dapprima del prof. Magnanelli, poi del prof. Silvestrelli, della dott.ssa Aguzzi e della prof.ssa Durantini hanno continuato e continuano tuttora con la direzione dell’ing. Floriano Tittarelli, la loro attività in un’atmosfera serena e cordiale, che vede al primo posto la centralità degli studenti, intesi come persone prima che come utenti, con la consapevolezza da parte dei docenti che fare scuola significa prima di tutto crescere insieme con i propri allievi.
Ecco, questa è la storia del nostro Istituto, all’inizio semplice ITF senza neppure un nome, poi ITF Statale, poi ITF “Galilei”, successivamente ITAS “Galilei”, ed oggi IIS “Galilei” con gli indirizzi Biotecnologie Ambientali, Sanitarie, Alimentari e Liceo delle Scienze Umane con Economico Sociale, pronti a rispondere alle nuove esigenze degli studenti, delle famiglie, della società.


Hosted by FASTNET S.p.A
© 2017 - Tutti i Diritti Riservati   RSS